Antonella Granatiero

Expo Milano 2015: UK Pavilion, credits: domusweb.it

Expo 2015: United Kingdom Pavilion

The United Kingdom participate in the Expo Milano 2015 with a pavilion inspired by scientific research and cutting-edge technology, where has been highlighted the key role that pollination takes place in the food chain. The United Kingdom Pavilion, entitled “Grown in Britain & Northern Ireland” reproduces the path made by the honey bee, from an orchard, through a flowery meadow until they return to the hive. The Pavilion, in fact, is a real beehive, made possible thanks to the research of Dr. Martin Bencsik, which for years has monitored the behavior of these insects. With the metaphor of the beehive, the British Pavilion project aims to express the idea that the UK is indeed a hive in constant ferment, which is committed to find and spread globally useful solutions to solve the main problems of our world as global challenges related to food.

The structure, designed by the artist Wolfgang Buttress of Nottingham with the collaboration of the Simmonds Studio for the structural design, and the architectural firm BDP is located about halfway along the Decumano and just before the intersection with the Cardo.

Expo2015.org

The exhibition conceived in the British Pavilion is preceded by a small orchard near which there is a wooden wall studded with tiny holes in each of which you can see animated images of honey bees buzzing and pollinate. A staircase leads to the upper level where there is the meadows of wild flowers which is a labyrinthine path and gives the impression of living the experience of the bees which roam in the meadows in search of flowers to pollinate. The grassland is contained by flower beds in corten steel, a material with endless colors and shades used for wall cladding. At the end of the lawn, you reach the big metallic beehive,

domusweb.it

a reticular structure 14 meters high and composed of approximately 169,300 pieces transported from the UK to Italy separately before being assembled at the Expo. Inside the hive , which can be accessed from the upper level , a combination of audio and visual effects reproduce the movements of bees within the hive . It turns out , with great astonishment , that everything does not happen at random : the higher or lower degree of brightness of the lights is due to the fact that each LED is connected to a bee into a real hive in Nottingham.

An exciting experience what it feels like visiting the Pavilion of the United Kingdom , which is pursuing a very original its secular experience in shows, remembering in fact, that the first World Expo Fair was organized just in London in 1851.

HEADER IMAGE CREDITS: DOMUSWEB.IT
Expo Milano 2015: UK Pavilion, credits: domusweb.it

Expo 2015: il Padiglione del Regno Unito

Il Regno Unito partecipa all’Expo Milano 2015 con un padiglione inspirato dalla ricerca scientifica e dalla tecnologia d’avanguardia, in cui è stato messo in risalto il ruolo fondamentale che l’impollinazione svolge all’interno della catena alimentare. Il Padiglione del Regno Unito, intitolato “Grown in Britain & Northern Ireland” riproduce il percorso compiuto dalle api mellifere, a partire da un frutteto, passando per un prato fiorito fino al ritorno all’alveare. Il Padiglione, infatti, è un vero e proprio alveare, realizzato grazie alla ricerca del dottor Martin Bencsik, che per anni ha monitorato il comportamento di questi insetti. Con la metafora dell’alveare, il progetto del Padiglione britannico vuole esprimere l’idea che il Regno Unito sia appunto un alveare in continuo fermento, che si impegna nel trovare e diffondere a livello globale soluzioni utili per risolvere le principali problematiche del nostro mondo tra cui proprio le sfide globali legate al cibo.

La struttura, progettata dall’artista di Nottingham Wolfgang Buttress con la collaborazione del Simmonds Studio per il progetto strutturale, e dello studio di architettura BDP è situata più o meno a metà lungo il Decumano e appena prima dell’incrocio con il Cardo.

Expo2015.org

Il percorso espositivo ideato nel Padiglione britannico è preceduto da un piccolo frutteto vicino cui vi è un muro di legno costellato di piccoli buchi all’interno di ciascuno dei quali è possibile osservare immagini animate di api mellifere che ronzano e impollinano. Attraverso una scala si giunge al livello superiore in cui vi è il prato di fiori selvatici che costituisce un sentiero labirintico e regala l’impressione di vivere l’esperienza delle api che si aggirano nei prati in cerca di fiori da impollinare. Il terreno coltivo è contenuto da aiuole in acciaio corten, un materiale dalle cromie e sfumature infinite utilizzato anche per il rivestimento delle pareti. Alla fine del prato, si raggiunge il grande alveare metallico,

domusweb.it

una struttura reticolare alta 14 metri e costituita da circa 169300 pezzi trasportati dal Regno Unito in Italia separatamente, per poi essere assemblati all’Expo. All’interno dell’alveare, a cui si può accedere dal piano superiore, una combinazione di effetti audio e visivi riproducono i movimenti delle api all’interno dell’alveare. Si scopre, con grande stupore, che tutto ciò non avviene in maniera casuale: il maggiore o minore grado di luminosità delle luci è dovuto al fatto che ogni LED è collegato ad un’ape in un vero alveare a Nottingham.

 

Un’esperienza emozionante quella che si prova visitando il Padiglione del Regno Unito, che porta avanti con grande originalità la sua esperienza secolare nelle esposizioni, ricordando infatti, che la prima esposizione universale venne organizzata proprio a Londra nel 1851.

HEADER IMAGE CREDITS: DOMUSWEB.IT

 

Brasil-Pavillon-Expo-2015-close-up-engineering

Expo 2015: an interactive network for the Brazil Pavilion

The Brazil Pavilion covers a total space of 4133 square meters,

expo2015.org

near the west entrance to the exhibition, and in the open space of the Pavilion was made the central attraction of the structure: a suspended net on which you can walk and jump, a network through its weft allows you to see the cultures exposed to the ground floor and the museological display of local culture. This is not the only sensory experience that can be proven on the network, in fact on it are installed special sensors that activate lights and music systems in a different way depending on the weight and movements of the visitors. An interactive experience, playful but also symbolic, because the metaphor of the network through flexibility, fluidity and decentralization want to show the connection and integration of the different subjects through which Brazil won the role of world leadership as producer of food.

arketipomagazine.it

The Brazilian Pavilion is designed by Studio Arthur Casas, in collaboration with the Atelier Marko Brajovic, winner of the open competition organized by Institudo de Arquitetos do Brasil (IAB). The pavilion of Brazil comprises two main bodies, one outdoor, made of steel and where stands the pedestrian net, the more body, more compact, is on three levels. In the open space of the Brazil Pavilion there is an area dedicated to the cultivation of plants, flowers and fruits in Brazil, enhanced by interactive tables with games and information on crops exposed. In this area there is also a net suspended above described. You can access on the first floor by a ramp that starts from the ground floor. Here the exhibition continues: the visitor is accompanied by a video broadcast on a wall of 56 meters in length. On the opposite side the visitor can observe the typical food of Brazil, through five digital stations. Inside the pavilion it was made an auditorium that can accommodate up to 200 people, which will be used for conferences, seminars or other events.

For the construction of the pavilion it has been a lot of attention to the environment, by providing a “smart” and low impact structure both in construction phase and in phase of disassembly. The main structure is made

promozioneacciaio.it

entirely dry with 433 tons of steel S355, with portals consist of HEA profiles for beams and columns, piers or circular tubes, “smart beams”, cellular beams whose profiles allow savings of material and the possibility to install implants in the false ceiling, floors of corrugated metal sheet without concrete casting. This last choice is strategic both as regards the sustainability of the pavilion that for the step of removing and restoring the site. The portals that take place in the gallery of 115 meters on the left side of the pavilion are made of Corten steel panels coated with metal grill. Moreover, the second body of the entire structure, which is on three levels, is coated with the cork MD Facade, with the dual function of Thermal insulation coating and facade covering.

To learn more about the properties of these materials with low environmental impact, in line with the principles of the Expo Milano 2015, you read the article by Ing. Luca Quarato.

HEADER IMAGE CREDITS: DOMUSWEB.IT, LUCA QUARATO
Brasil-Pavillon-Expo-2015-close-up-engineering

Expo Milano 2015: una rete interattiva per il Padiglione del Brasile

Il Padiglione del Brasile si estende su uno spazio complessivo di 4133 metri quadri,

expo2015.org

vicino all’entrata Ovest dell’area espositiva, e nell’area aperta del Padiglione è stata realizzata l’attrazione centrale della struttura:  una rete sospesa sulla quale è possibile camminare e saltare, una rete che attraverso la sua trama consente di vedere le colture esposte al piano terra e l’esposizione museografica della cultura locale.

Non è questa l’unica esperienza sensoriale che la rete permette di provare, infatti su di essa sono installati appositi sensori che attivano sistemi musicali e luminosi in modo differente a seconda del peso e dei movimenti dei visitatori.

arketipomagazine.it

Un’esperienza interattiva, ludica ma anche simbolica, poiché la metafora della rete attraverso flessibilità, fluidità e decentralizzazione vuole mostrare la connessione e l’integrazione dei diversi soggetti grazie ai quali il Brasile ha conquistato il ruolo di primato mondiale come produttore di cibo.

Il Padiglione brasiliano è stato progettato dallo Studio Arthur Casas, in collaborazione con l’Atelier Marko Brajovic, vincitore del concorso pubblico indetto dall’Institudo de Arquitetos do Brasil (IAB). Il padiglione del Brasile si sviluppa su due principali corpi, uno all’aperto, realizzato in acciaio e dove campeggia la rete pedonale, l’altro corpo, più compatto, si sviluppa su tre livelli. Entrando nell’area aperta del Padiglione Brasile, si trova uno spazio dedicato alla coltivazione di piante, fiori e frutti brasiliani, arricchito da tavoli interattivi con giochi e informazioni sulle colture esposte. In questa zona è stata realizzata la rete sospesa descritta sopra. Al primo piano, dove è possibile accedere attraverso una rampa che parte dal piano terra, continua il percorso espositivo, lungo il quale il visitatore è accompagnato attraverso un video trasmesso su una parete di 56 metri di lunghezza. Sul lato opposto, invece, il visitatore può osservare i prodotti agroalimentari tipici del Brasile, attraverso cinque postazioni digitali. All’interno del padiglione, inoltre, è stato realizzato un auditorium che può ospitare fino a 200 persone, che sarà utilizzato per conferenze, seminari o eventi diversi.

Per la costruzione del padiglione è stata posta molta attenzione all’ambiente, realizzando una struttura “smart” a basso impatto sia nella fase di costruzione che in quella di smontaggio. La struttura principale è realizzata interamente a secco 

promozioneacciaio.it

con 433 tonnellate di acciaio S355, con portali costituiti da profili HEA per travi e pilastri, pilastri cruciformi o tubi circolari, travi alveolari “smart beams”, i cui profili permettono il risparmio di materiale e la possibilità di installare gli impianti a controsoffitto, solai in lamiera grecata senza getto di calcestruzzo. Quest’ultima scelta è strategica sia per quanto riguarda la sostenibilità del padiglione che per la fase di smontaggio e ripristino del sito. I portali che si succedono nella galleria di 115 metri sul lato sinistro del padiglione sono in acciaio corten rivestiti con pannelli in grigliato metallico. Inoltre il secondo corpo dell’intera struttura, quello “chiuso” che si sviluppa su tre livelli, è rivestito con il sughero MD Facciata, con la duplice funzione di cappotto termico e di rivestimento faccia a vista.

Per approfondire la conoscenza sulle proprietà di questo materiale a basso impatto ambientale, in linea con i principi dell’Expo Milano 2015, leggete l’articolo dell’Ing. Luca Quarato.

HEADER IMAGE CREDITS: DOMUSWEB.IT, LUCA QUARATO


Vuoi leggere i nostri articoli senza pubblicità?

Sostieni il nostro progetto e avrai la possibilità di: