SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

Il batterio che mangia la plastica

Abbiamo sempre parlato su queste pagine di come i problemi ambientali provocati dalla plastica siano enormi, e di come in giro per il mondo si stia cercando di trovare delle soluzioni più efficaci possibili (The Ocean CleanUp, il progetto per ripulire gli oceani è oggi realtà & Seabin, un bidone galleggiante per ripulire il mare). Ma come si fa a raccogliere e riciclare 50 milioni di tonnellate di plastica che ogni anno vengono prodotte in tutto il mondo? La plastica che galleggia negli oceani e che è abbandonata nelle nostre strade non può essere tutta riciclata per ovvie difficoltà logistiche, perché molti non si rendono conto dei numeri spaventosi che questo materiale infame porta con sé: meno del 5% della plastica prodotta viene riciclata, il 40% finisce in discarica per essere incenerita (con un forte impatto ambientale) e il resto viene abbandonato negli ecosistemi naturali; ci sono 5.250 miliardi di pezzi di plastica che galleggiano negli oceani, 8 milioni di tonnellate all’anno vengono scaricate in mare, equivalente ad un camion al minuto. Di questo passo, nel 2050 ci sarà più plastica che pesci negli oceani: è il momento di dire basta a danneggiare l’ambiente (Referendum sulle Trivelle, Sveglia!) perché gli unici che ci rimettiamo siamo noi, la nostra salute, le generazioni future, la razza umana, che continuando così entro 100 sarà estinta.

Il batterio che mangia la plastica
inhabitat.com

Gli studi delle università e dei ricercatori sono allora fondamentali per trovare soluzioni che cercano di eliminare del tutto la plastica, senza passare per la raccolta e il riciclo, semplicemente perché la plastica è TROPPA. Studiosi giapponesi si sono soffermati a lungo nello studiare le caratteristiche di un particolare materiale plastico, ovvero il PET (Polietilene tereftalato), una resina termoplastica che tutti noi conosciamo perché viene utilizzata per produrre bottiglie di plastica, vaschette di gelato e alcuni particolari tipi di vestiti, ma anche etichette, pellicole e rivestimenti. Il PET è leggero, incolore e molto resistente, e attualmente può essere riciclato o per depolimerizzazione attraverso glicolisi o per riciclaggio meccanico, ma è molto resistente al processo di biodegradazione.

Proprio per questo si è cercato un modo alternativo per degradare questo materiale, sfida accettata da un team di ricerca dell’Institute of Technology and Keio University di Kyoto, che ha raccolto e studiato 250 campioni di PET provenienti da un sito di riciclaggio e quindi contaminati da sedimenti, particelle di suolo e reflui. Analizzando questi campioni al microscopio, il team leader della ricerca Shosuke Yoshida ha osservando le migliaia di microbi che vivono sulla superficie del materiale, i quali usano il PET per crescere e riprodursi, ma che nessuno apparentemente usa per alimentarsi. Tutti i microbi si trovano a loro agio sul PET, ma nessuno lo trova gradevole da mangiare. Tutti tranne una particolare tipologia di batteri, che è capace di mangiare e assimilare il polimero: l’Ideonella sakainesis.

Il batterio che mangia la plastica
L’ideonella sakainesis al microscopio. PH: inhabitat.com

Studi approfontidi hanno rilevato che questi batteri utilizzano due enzimi per rompere i forti legami del PET; il primo si chiama PETase, ed è secretato quando il batterio aderisce alla superficie plastica, il secondo si chiama MHET idrolase, ed è responsabile della rottura delle catene polimeriche in molecole meno pericolose, l’acido tereftalico e il glicole etilenico. Questo processo è però abbastanza lento, infatti gli studiosi pensano che un gruppo di Ideonella sakainesis potrebbe digerire un sottile strato di PET nel corso di 6 settimane ad una temperatura di 30°C.

Essendo il processo lento e non ancora dettagliato, gli studiosi sono abbastanza freddi sul poter utilizzare immediatamente questa scoperta per aiutare l’ambiente, ma sono fiduciosi per il futuro, come afferma lo stesso Shosuke Yoshida: “Noi speriamo che questo processo possa essere comune ad alcuni batteri; ora sappiamo che cosa stiamo cercando e studieremo molti microbi in diverse aree del mondo”.

Se i numeri dell’inizio non vi hanno fatto impressione, ricordatevi che arrivati a questo punto dell’articolo un camion ha già scaricato circa 15.000 kg di plastica in mare, magari proprio in quel mare dove ci facciamo il bagno.

Il batterio che mangia la plastica

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Massimiliano Russohttp://building.closeupengineering.it
Laureato in Ingegneria Civile e Ambientale presso il Politecnico di Bari, ora studente di Ingegneria Strutturale presso l'Università di Pavia. Giocatore di pallavolo ma amante del tennis, appassionato di musica e talvolta musicista, amo la natura e vorrei restituire ad essa ciò che l'uomo le ha sottratto immeritatamente per troppo tempo.