SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

Cini Boeri, ricordo del celebre architetto e designer italiano

L’architetto Maria Cristina Mariani Dameno, nota a livello mondiale come Cini Boeri, è venuta a marcare il 9 settembre a Milano all’età di 96 anni

Tra le tre donne ad essersi laureate nel 1951 al Politecnico, Cini Boeri ha vissuto in pieno i drammi del dopoguerra. È stata partigiana attiva durante la Resistenza e ha subito uno sfollamento con la famiglia sul Lago Maggiore. In quel periodo conobbe il marito, il neurologo Roberto Boeri. Da questa unione nacquero tre figli, anzi tre grandi calibri del panorama culturale moderno: il giornalista Sandro, l’economista Tito e l’architetto Stefano.

Cini Boeri, ricordo del celebre architetto e designer italiano
Cini Boeri. PH: exhibart.com

Cini Boeri, la difficile vita di un architetto donna

Cini, diminutivo di “picinin” come la chiamavano i fratelli maggiori, non è stato il classico architetto che punta a pensare e realizzare opere immense dal gusto megalomane. Per lei l’architettura era fatta in funzione della vita dell’uomo e del contesto in cui si trova. Qualcosa di semplice e funzionale, per tutti i giorni, un po’ come lei: appariva raffinata e al tempo stesso pragmatica.

“L’architettura è una scienza che si prende cura dell’umanità”

Essendo una delle prime donne laureate al Politecnico per l’epoca, non ha di certo trovato la strada spianata. Gli stessi con cui ha affrontato la gavetta, Gio Ponti e Marco Zanuso, glielo ripetevano in continuazione, in quanto il mestiere di architetto per una donna era arduo da reggere in un mondo ancora troppo maschile. Entrambi i maestri sono stati fondamentali per il percorso formativo di Cini Boeri. Le hanno insegnato sia a sognare sia a mantenere i piedi per terra e avere un metodo di progettazione rigoroso senza troppi fronzoli. Fu così che nel 1963 dopo 12 anni di apprendistato aprì il suo primo studio, cominciando prima con oggetti di design fino ad arrivare alle opere architettoniche.

Cini Boeri si racconta

I progetti tra architettura e design

Con Zanuso muove i primi passi verso la progettazione di coloratissimi oggetti di interni e di design per un asilo al Lorenteggio. Successivamente all’apertura del suo studio, comincia a collaborare con l’azienda Arflex, per la quale creerà il divano Strips che le farà ottenere nel 1979 il titolo di “Compasso d’oro”, un prestigioso e antico riconoscimento che viene affidato dall’Associazione per il Disegno Industriale, che ha il compito di premiare il design italiano. Famoso è anche il Serpentone, un divano da vendere a metro in moduli di schiuma poliuretanica stampati a iniezione. Per lei rappresentava “un tentativo di dissacrare la proprietà” e un modo di concepire il design rivoluzionario per gli schemi tipici di quegli anni, così come lo era il suo pensiero di vedere l’architettura.

Cini Boeri, ricordo del celebre architetto e designer italiano
Divano strips. PH: elledecor.com

Per quanto riguarda le opere architettoniche, bisogna ricordare lo showroom Knoll a Parigi, un appartamento al 56° piano della Trump Tower di New York, la casa rotonda e casa bunker in Sardegna, e la casa nel bosco a Osmate. Oltretutto, Cini Boeri si è anche dedicata a interventi di recupero, come la villa su tre livelli di Vigolzone.

Cini Boeri, ricordo del celebre architetto e designer italiano
Casa bunker in Sardegna. PH: circolodeldesign.it

Sono questi tutti progetti in cui è evidente il forte rispetto che aveva non solo per le persone, ma anche per l’ambiente circostante. Per Cini Boeri l’abitazione doveva essere concepita a immagine e somiglianza di chi ci vive, non dell’architetto. Ciò che va assecondato è il desiderio della persona che abita in una casa e tutte le sue necessità.

“Progettare è una gioia ma anche un impegno, una grande responsabilità”

CUE FACT CHECKING

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Gemma Delle Cavehttps://buildingcue.it
Ingegnere chimico e giornalista pubblicista "made in Naples" amante dell'arte e della natura. Il percorso di studi intrapreso e la voglia di raccontare la realtà sono stati le due molle che l'hanno spinta verso il mondo della divulgazione.