Home » Dal sughero bruciato Noé Duchaufour-Lawrance crea mobili

Dal sughero bruciato Noé Duchaufour-Lawrance crea mobili

Il designer francese Noé Duchaufour-Lawrance ha utilizzato gli scarti di sughero bruciato per creare una collezione di mobili dalle forme sinuose con una texture interessante

Categorie Design · News

Creata dallo studio Made in Situ di Duchaufour-Lawrance con sede in Portogallo, la collezione di sedie e tavoli “Burnt Cork” è composta da tutti pezzi intagliati in blocchi di sughero, simili a quelli utilizzati negli edifici come isolanti. Duchaufour-Lawrance ha sviluppato la propria svolta personale nel processo per incorporare le trame più ruvide del sughero bruciato, che di solito è un prodotto di scarto industriale. Il seme della collezione è stato piantato quando il designer si è trasferito per la prima volta in Portogallo nell’estate del 2017. Ha fatto il viaggio di tre giorni dalla Francia da solo, incontrando devastanti incendi boschivi sulle colline di Pedrógão Grande lungo la strada.

Mi ha colpito il potere del fuoco, uno dei cinque elementi vitali per l’esistenza sulla terra, una chiave di volta per lo sviluppo della cultura.

Noé Duchaufour-Lawrance

Sughero bruciato: la nascita di un’idea

Il fuoco è in qualche modo sempre bello. Una parte di me non voleva pensarci, ma ho scattato foto e questa esperienza è rimasta dentro di me. Mi ha fatto dubitare della mia interazione con la natura come designer e come consumatore. Ho sentito che sarebbe riaffiorata nel lavoro che stavo per fare qui in Portogallo” ha detto Duchaufour-Lawrance in un’intervista.

Dal sughero bruciato Noé Duchaufour-Lawrance crea mobili
PH: madeinsitu.com

Il momento di esplorare queste idee è arrivato nell’ottobre 2018, durante una visita a NF Cork, un piccolo stabilimento di produzione di sughero a conduzione familiare a Faro, nell’ambito di uno scambio interdisciplinare istituito da Made in Situ. Tradizionalmente NF Cork produceva blocchi architettonici isolanti e stava perseguendo un rilancio generale. Lì, il designer ha appreso il processo di trasformazione della corteccia di sughero in blocchi, ma ha anche scoperto uno dei suoi prodotti di scarto inutilizzati, ovvero il sughero bruciato.

Dal sughero bruciato Noé Duchaufour-Lawrance crea mobili
PH: madeinsitu.com

Il sughero bruciato scartato è una delle maggiori esportazioni del Portogallo. Ha la capacità di proteggere la quercia in caso di incendi, carbonizzandosi. Prima di essere raccolta, la corteccia bruciata viene staccata dall’albero, consentendo la crescita dei successivi strati di sughero. Tuttavia, il raccolto di sughero bruciato viene solitamente lasciato indietro dalla moderna industria del sughero. Tenendo conto di ciò, il designer ha sviluppato il desiderio di creare un materiale unico dagli avanzi di sughero bruciato. Duchaufour-Lawrance ha visto l’opportunità di realizzare finalmente una creazione nata dal fuoco e, nei due anni successivi, ha sperimentato modi per incorporare il sughero bruciato nella tradizionale tecnica di fabbricazione dei blocchi di NF Cork.

Il processo di produzione

Il processo tradizionale prevede la miscelazione e l’incollaggio dei granuli di sughero in uno stampo. In seguito, la cottura del blocco per 16 ore e l’essiccazione per sei settimane. Duchaufour-Lawrance ha incorporato diverse dimensioni di granuli, con l’obiettivo di ottenere un effetto sfumato, che va dalla grana fine del sughero tradizionale a una trama simile alla corteccia, in cui domina il carbone del materiale bruciato. “Volevo che l’utente avesse una connessione diretta con il sughero così com’è sull’albero“, ha detto Duchaufour-Lawrance. “E quindi una gradualità dalla crudezza alla raffinatezza. Collegandosi direttamente con la storia e il processo del materiale stesso“. I mobili, poi, sono stati scolpiti da un’altra azienda portoghese, Granorte, utilizzando una macchina CNC a sette assi in grado di scolpire forme organiche.

Dal sughero bruciato Noé Duchaufour-Lawrance crea mobili
PH: madeinsitu.com

Ciò rende la serie Burnt Cork una fusione di processi sia artigianali che industriali, con entrambe le aziende che spingono le loro tecniche in un nuovo terreno. La collezione completa è composta da una sedia e un tavolo da pranzo, una poltrona lounge, una chaise longue, due tavolini bassi e uno sgabello. Questa esperienza ha fatto apprezzare all’artista le proprietà del sughero: impermeabile, galleggiante, elastico e ignifugo. Infatti, Duchaufour-Lawrance considera Burnt Cork un po’ come un tributo al sughero portoghese, che rappresenta la resilienza.

Lascia un commento