SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

Cosa prevede il decreto Rilancio per i professionisti

Nella sera del 13 Maggio sono state approvate le nuove misure per il rilancio economico dell’Italia, ma cosa prevede il decreto Rilancio per i professionisti? Sappiamo che questo è entrato subito in vigore, e avrà tempo 60 giorni per essere convertito in legge dal Parlamento che avrà anche la facoltà di modificarlo. Il testo non è stato ancora pubblicato in gazzetta ufficiale, ma sono già note le misure a sostegno della libera professione.

Cosa prevede il decreto Rilancio per i professionisti
pescarapost.it

Ci sono persone rimaste senza lavoro e senza reddito, commercianti che rischiano di chiudere, imprenditori in assoluta incertezza sul futuro: un grido d’allarme che non ci è mai sfuggito. Una fotografia dolorosa del Paese che conosciamo e per questo ci siamo impegnati al massimo facendoci carico di questa difficoltà. Ce l’abbiamo messa tutta”, queste le parole del premier Conte in conferenza stampa.

Alcuni lo definiscono il DL Rilancio come un “Remake” del “Cura Italia” di qualche tempo fa; ma in realtà le misure economiche si aggiungo a quelle precedenti e non le modificano. Con un articolo abbiamo già parlato delle indiscrezioni sul rilancio del settore edile con il Sisma Bonus e l’Eco-bonus portati al 110% e le sue modalità di utilizzo.

Le misure del decreto Rilancio per i professionisti

La situazione è in continuo aggiornamento, ma le parti del decreto Rilancio per i professionisti, ingegneri e architetti, sono abbastanza delineate. Per tutti i titolari di partita IVA, iscritti alla “Gestione separata INPS”, che hanno avuto una compressione dei propri ricavi nei mesi di Marzo e Aprile, avranno un’indennità di 1000€ netti; il reddito è calcolato come differenza tra i compensi incassati e le spese sostenute.

Per gli iscritti alle casse private, quindi gli architetti e gli ingegneri, il fondo di 300 milioni di euro, stanziato con il “Cura Italia”, sarà esteso a 1 miliardo e 150 milioni, cosicché i professionisti percepiscano i 600€ anche per i mesi di Aprile e Maggio. Si aspetta però il decreto interministeriale per maggiori dettagli. Sono esclusi da questa misura tutti coloro che hanno in atto anche un contratto di lavoro subordinato o pensionati.

Cosa prevede il decreto Rilancio per i professionisti
radiosapienza.net

I 600€ , grazie al decreto Rilancio, sono estesi anche ai lavoratori occasionali, le cosiddette “piccole partite IVA”, che non sono iscritte a nessuna cassa previdenziale; ovviamente rientrano anche i co.co.co e autonomi iscritti all’INPS. Ulteriori misure che possono interessare sono: il bonus Babysitter prolungato per i prossimi mesi e alzato a 1200€, la sospensione delle procedure di licenziamento per giusta causa per 5 mesi e l’azzeramento dell’aliquota “oneri fissi” sulle bollette elettriche per le potenze di 3,3 kW.

Il decreto Rilancio per i professionisti titolari di reddito d’impresa o partita IVA prevede un contributo a fondo perduto di minimo 1000€ . Per richiederlo bisogna avere un fatturato minore di 5 milioni di euro e una riduzione del medesimo ad aprile di almeno il 33%, comparato con lo stesso mese del 2019. Per le persone fisiche invece, sempre 1000€, ma con fasce di ricavi differenti rispetto al “Cura Italia”.

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Marcello Raianohttps://buildingcue.it
Studente laureando in Ingegneria Edile-Architettura presso il Politecnico dell'Università Federico II di Napoli. Formato principalmente in Tecnologie per l'edilizia e Prevenzione incendi, ha affrontato nel suo percorso temi come il restauro di monumenti storici, analisi sismica di edifici nuovi ed esistenti in calcestruzzo armato. Appassionato di politica, ma soprattutto di cinema.