Strade

    Topmix, Tarmac

    TopMix: l’asfalto super-drenante

    In quest’era di importanti innovazioni e scoperte, dalla Gran Bretagna arriva TopMix (l’azienda che lo produce è la Lafarge Tarmac di Birmingham), l’asfalto nato per far fronte ai problemi che si presentano nel caso di forti nubifragi.

    Infatti, al giorno d’oggi, è abbastanza evidente come, le precipitazioni, sopratutto quelle intense o di lunga durata, rappresentano un grosso problema per le città, principalmente per le strade soventi soggette ad allagamenti. Nonostante le norme per la costruzione di strade impongano pendenze minime del 2.5% della sezione trasversale proprio per garantire il deflusso delle acque lungo le fogne pluviali, molte volte questo non basta, perché bisogna far fronte al riversamento delle acque reflue dai pozzetti fognari intasati con conseguente allagamento delle strade.

    In questo contesto si inserisce TopMix la cui composizione chimica  fa si che vengano assorbiti i fluidi ed evita che l’acqua ristagni in superficie. Parliamo di come, questo asfalto, riesca ad assorbire ben 4000 litri di acqua in un minuto e drenarla lontano dalle strade, dai parcheggi e dai marciapiedi.

    Secondo le prime indiscrezioni a differenza del calcestruzzo convenzionale, ha un alto contenuto di vuoti compreso tra 20-35%. Questo permette all’acqua di superficie di defluire attraverso dei sub-strati e dissiparsi naturalmente, riducendo il rischio di inondazione delle acque di superficie e la contaminazione dei corsi d’acqua.

    TopMix permeable ha un tasso medio di permeabilità di 36000 mm/h. Le soglie minime richieste di permeabilità variano notevolmente a seconda delle condizioni climatiche locali, ma in maniera del tutto approssimativa, la permeabilità media necessaria per far fronte ad una precipitazione è di 300 mm/h. Poiché il tasso di permeabilità di questo materiale è così grande, ci dovrebbe essere una quantità surreale di sporco applicata alla superficie della pavimentazione per smettere di funzionare efficacemente. Infatti, TopMix è studiato per funzionare efficacemente quando intasato fino al 95%.

    Per ora è solo un’invenzione limitata a piccole aree, ma se dovesse essere messa a punto l’idea di un asfalto permeabile, in seguito, nella realizzazione di strade ed autostrade, così come nei centri urbani, allora si potrebbe scongiurare il pericolo alluvioni unito a quello dei troppi incidenti.

    Alla positività degli effetti che la nuova invenzione sembra far auspicare, si unisce la speranza che TopMix non si inserisca in quel  vortice di abuso del terreno che sta portando a fin troppo gravi conseguenze per il pianeta.

    Nel video vengono scaricati da una betoniera sull’asfalto Topmix 4000 litri di acqua in un parcheggio, prontamente prosciugati dall’effetto “spugna” del manto stradale.

     

    Olanda: la pista ciclabile luminescente ispirata a Van Gogh

    Van Gogh-Roosegaarde Cycle Path di Nuenen, vicino Eindhoven, in Olanda è il nuovo percorso ciclabile inaugurato il 12 Novembre 2014 in occasione del “Van Gogh 2015 International Theme Year” dedicato ai 125 anni dalla scomparsa dell’artista.

    La pista ciclabile, ispirata alla celebre tela del 1889 “Notte stellata”, si estende per un tratto lungo un chilometro e collega la casa in cui nacque Van Gogh a Zundert al paese di Nuenen, dove trascorse una parte della sua vita. Questo percorso si inserisce all’interno di un progetto più ampio: 335 km di pista ciclabile che si snodano nella regione del Barbante, in cui il mezzo più diffuso è proprio la bicicletta per via delle grandi distese pianeggianti.

    Van Gogh Cycle Path, progettato dallo Studio Roosegaarde e realizzato dalla compagnia Heijmans, ricrea l’atmosfera magica del quadro di Van Gogh attraverso piccole pietre luminescenti dotate di microscopici LED che catturano la luce diurna per rilasciarla durante la notte. Inoltre in alcuni punti sono presenti LED aggiuntivi che garantiscono l’illuminazione del percorso anche nelle giornate nuvolose.

    Il progetto utilizza la tecnologia innovativa basata sul concetto di Smart Highway con cui lo Studio Roosegaarde e la compagnia Heijmans lavorano per le “autostrade del futuro”.

    L’intensa collaborazione avviata ha l’obiettivo di rendere le strade sostenibili e sicure attraverso mezzi di illuminazione “smart”, segnali stradali che si adattano alla situazione su strada (presenza di vento, ghiaccio, sole ecc) e accumulatori di energia.

    heijmans.nl

    Con questi propositi sono stati sviluppati designs innovativi come “Glow-in-the-dark Linin”, “Dynamic Paint”, “Interactive Light” and “Electric Priority Lane”.

    La prima istallazione, realizzata sulla strada N329 di OSS, in Olanda, “Glowing Lines” (Glow-in-the-dark Linin) consiste nel definire i bordi delle strade con strisce luminescenti che catturano la luce di giorno e la emettono di notte per una durata fino a dieci ore.

    Header image credits: studioroosegaarde.net


    Vuoi leggere i nostri articoli senza pubblicità?

    Sostieni il nostro progetto e avrai la possibilità di: