SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

Ecco la legge salva borghi

 

Finalmente è legge il provvedimento “Salva Borghi” con 205 voti a favore e nessuno contrario. Questo provvedimento vuole fornire i mezzi necessari per valorizzare i “piccoli comuni” che comprendono quelli con meno di cinquemila abitanti. In Italia rappresentano una grande percentuale del patrimonio, infatti rappresentano quasi il 70% dei comuni Italiani occupando il 54% del territorio nazionale; numeri importanti che stanno ad indicare che i piccoli comuni sono un punto fondamentale della struttura del nostro Paese. Grazie a questa legge i comuni potranno usufruire di 100 milioni di euro dilazionati in 7 anni (dal 2017 al 2023); per l’esattezza 10 milioni di euro per il 2017, e poi 15 milioni di euro per ciascuno degli anni a venire.

Finalità della legge

Lo  scopo principale di questa legge, che finalmente dopo 3 legislatura è stata approvata, è quello di valorizzare il nostro patrimonio naturale, storico, architettonico ed economico, promuovendo lo sviluppo sostenibile e l’equilibrio demografico della nostra intera Nazione, incentivando appunto la residenza anche nei piccoli comuni. Quindi l’obiettivo è evitare lo spopolamento di questi comuni che altrimenti si ridurrebbero a città fantasma, mirando come detto in precedenza alla valorizzazione architettonica dei centri storici e alla messa in sicurezza di strade e scuole, efficientamento energetico del patrimonio edilizio pubblico.

I comuni che rientrano nel piano di finanziamento avranno anche la possibilità di comprare anche case cantoniere e tratti di ferrovie dismesse che potranno essere utilizzate per varie attività come protezione civile, volontariato, attività turistiche come strutture per turisti o dove poter svolgere attività volte a valorizzare ad esempio il patrimonio enogastronomico locale.

Dunque la legge Emrete Realacci (deputato Dem, primo firmatario della legge) che ha trovato anche l’approvazione del Ministro dei Beni Culturali e del Turismo, Dario Franceschini ormai si avvia verso la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale sperando che possa trovare subito riscontri concreti positivi.

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here