Home » Lituania e Polonia hanno creato un portale che collega le persone

Lituania e Polonia hanno creato un portale che collega le persone

Con la pandemia che ha messo un freno al movimento dei viaggi, Lituania e Polonia hanno trovato una soluzione interessante: un portale che consente ai cittadini di vedersi in tempo reale

Categorie News

Stanchi delle restrizioni agli spostamenti dovute alla pandemia? La città di Vilnius, in Lituania, ha una soluzione dal sapore fantascientifico: un portale in tempo reale per un’altra città. Di fronte alla stazione ferroviaria di Vilnius è stato inaugurato un monumento circolare in cemento con un portale centrale. Quest’ultimo permette ai cittadini di Vilnius di vedere Lublino, una città della Polonia, a più di 500 chilometri di distanza. La stessa struttura è stata, di fatto, eretta anche a Lublino. I portali hanno entrambi grandi schermi e telecamere, che trasmettono immagini in diretta tra le due città. Una sorta di ponte digitale, secondo i suoi creatori, con lo scopo di incoraggiare le persone a ripensare al significato dell’unità.

Questo portale funge da ponte tra due città ed è un’opportunità unica per connettere, condividere e ispirare le persone dall’altra parte.

GoVilnius

Portale di Vilnius/Lublino: la nascita dell’idea

Secondo la radio e la televisione lituana, l’iniziativa è un progetto congiunto della Fondazione Benediktas Gylys con sede a Vilnius, della città di Vilnius, della città di Lublino e del Crossroads Center for Intercultural Creative Initiatives. Chiamato giustamente PORTAL, il progetto è guidato da GoVilnius, l’agenzia di sviluppo della capitale della Lituania, ed utilizza una tecnologia con cui la maggior parte delle persone ha familiarità. È uno schermo che proietta un feed in diretta da entrambe le città ed è aperto al pubblico 24 ore su 24, 7 giorni su 7. “Il progetto è appena iniziato e abbastanza presto Vilnius aprirà nuovi portali a dozzine in altre città in tutta Europa e nel mondo“, ha spiegato GoVilnius.

L’umanità sta affrontando molte sfide potenzialmente mortali, che si tratti di polarizzazione sociale, cambiamento climatico o problemi economici“, afferma il presidente della Fondazione Benediktas Gylys e accreditato come l’iniziatore dell’idea. “Sebbene se guardiamo da vicino, non è la mancanza di brillanti scienziati, attivisti o leader, conoscenza o tecnologia, che causa queste sfide. È tribalismo, mancanza di empatia e una percezione isolata del mondo, che spesso è limitata ai nostri confini nazionali. Ecco perché abbiamo deciso di dare vita all’idea di PORTAL. Un ponte verso l’unità, un invito a elevarsi al di sopra dei pregiudizi, al di sopra dei disaccordi, che appartengono al passato, è un invito ad elevarsi al di sopra dell’illusione di noi e loro.”

Lituania e Polonia hanno creato un portale che collega le persone
PH: twitter.com

Il progetto di PORTAL

Secondo quanto riferito, il portale di Vilnius ha impiegato cinque anni per vedere un completo sviluppo. Le strutture sono state progettate dagli ingegneri del Centro di creatività e innovazione (LinkMenu fabrikas) dell’Università tecnica di Vilnius Gediminas. Il design circolare è stato scelto, perché è un simbolo fantascientifico facilmente riconoscibile per questo “ponte visivo”. La porta monolitica in cemento evoca i sogni di storie di science fiction come Stargate e The Wheel of Time, mentre il suo schermo e la sua fotocamera sono in grado di catturare e rappresentare le persone nella loro scala 1:1, il che è molto più semplice che rimpicciolirle come accade sui social sui nostri smartphone.

Lituania e Polonia hanno creato un portale che collega le persone
PH: lrt.lt

Come affermato nel comunicato stampa del progetto, assomiglia alla ruota del tempo e “…consente a una persona di ‘viaggiare’ e sperimentare la realtà dall’altra parte di questo ‘ponte’“. Inoltre, gli ideatori spiegano che la forma, il design minimale e l’estetica di PORTAL riflettono l’immagine di una città futura. Questi non saranno gli unici portali. Gli organizzatori prevedono di erigerne altri in altre città nel prossimo futuro. Sul sito web del progetto, i prossimi portali previsti sono a Reykjavik, la capitale dell’Islanda, e Londra. Bisogna aspettarsi, quindi, di vedere più di questi portali in tutta Europa e nel resto del mondo.

Lascia un commento