Home » Ischia: danni e dispersi per una frana dovuta al maltempo

Ischia: danni e dispersi per una frana dovuta al maltempo

Ad ora almeno 9 dispersi ed oltre 100 persone isolate per colpa della frana causata dal nubifragio che ha colpito l'isola di Ischia nella prima mattinata di oggi.

Categorie News
Vuoi leggere oltre 10mila articoli di scienza e tecnologia senza pubblicità?
ABBONATI A 0,96€/SETTIMANA

Il maltempo continua ad imperversare sul nostro paese, flagellandolo da Nord a Sud e causando danni e disagi generalizzati. L’ennesimo evento naturale avverso di rilievo risale giusto a qualche ora fa, e riguarda la bellissima isola di Ischia, nel golfo di Napoli. Più precisamente, una frana ha colpito la parte settentrionale dell’isola, nella fattispecie la frazione di Casamicciola Terme, alle prime ore dell’alba. Il bollettino purtroppo non è dei migliori: si contano infatti, oltre a numerosi danni, anche numerosi dispersi.

Il maltempo la causa della frana ad Ischia

Il violento nubifragio che da ieri pomeriggio ha colpito in maniera veemente la Campania è alla base del nefasto evento di questa mattina. Il forte acquazzone, infatti, ha allagato numerose aree urbane campane, rendendo inagibili i primi piani di molti edifici ed attività commerciali ed impedendo il transito veicolare e pedonale nei sottopassi di località.

Frana a Ischia
Immagini della frana a Ischia. Credits: Today

Il maltempo si è particolarmente concentrato, come detto, sull’isola di Ischia, creando disagio a causa del fango nelle strade e costringendo il commissario straordinario di Casamicciola Terme e i sindaci degli altri 5 comuni dell’isola d’Ischia ad emanare un’ordinanza collegiale diretta ai cittadini con la quale chiedono di non uscire dalle proprie abitazioni per non intralciare le (già difficoltose) operazioni di soccorso.

La cronaca del bilancio della frana

Alle 5 di questa mattina si è originata una frana dalla parte alta di Via Celario (zona Casamicciola Terme) che ha raggiunto il lungomare in Piazza Anna De Felice. La zona colpita dalla frana è tristemente nota a livello di cronaca, essendo stata colpita dal terremoto del 2017 e trovandosi ancora parzialmente in zona rossa. Tutto ciò, unitamente alle avverse condizioni climatiche, sta rendendo difficile la messa in moto a regime della macchina dei soccorsi.

Nel mentre, a distanza di poche ore altre frane hanno coinvolto la zona occidentale dell’isola e la porzione sud-orientale di Barano. Numerose zone dell’isola sono attualmente ricoperte di fango, e molti sono le persone disperse o isolate. Alcune auto sono finite in mare, travolte dal fango a Casamicciola. Per molte di queste non si è potuto ancora accertare se vi fossero o meno persone a bordo.

Frana a Ischia
Fiume di fango a Ischia. Credits: RaiNews

Al momento fervono i soccorsi nelle auto impantanate in acqua e fango, nelle case sommerse dai detriti e nelle strade dell’isola. I dispersi, inizialmente 13, sono attualmente scesi a 9. In un primo momento si stimavano circa 8 vittime, ma pochi minuti fa i Carabinieri hanno diffuso una nota secondo la quale al momento non siano stati rinvenuti cadaveri.

Il racconto della frana dei testimoni

Iniziano a circolare le prime testimonianze della terribile frana di questa mattina.

“Verso mezzanotte ha iniziato a piovere fortissimo. Dalle tre abbiamo iniziato a sentire dei boati. È venuta giù la prima frana, poi un’altra verso le 5. Una cosa impressionante, forse peggio dell’alluvione del 2009 e tremendo quanto il terremoto del 2017″

Queste le parole, riportate sulla pagina del Mattino Napoli – Area Metropolitana (che sta aggiornando continuamente il bollettino della tragedia) , dalla disegnatrice di libri per bambini Lisa Mocciaro. Anche il Ministro per i beni e le attività culturali, Gennaro Sangiuliano, è giunto in Prefettura per seguire la situazione, sperando che il bilancio non si aggravi ulteriormente.

Lascia un commento