Home » Microcemento: la soluzione decorativa per interni ed esterni

Microcemento: la soluzione decorativa per interni ed esterni

Il microcemento si distingue per la versatilità e facilità applicativa, ne basta poco (3 millimetri) per far tornare al meglio le superfici.

Categorie Materiali · News

Quale soluzione potrebbe esser di facile applicazione, ma al contempo di qualità assoluta, per rivestire gli ambienti di casa propria? Fra le migliaia di applicazioni possibili, una delle migliori è certamente il microcemento. Ma che cos’è?

microcemento
Interni in microcemento. Credits: Topciment

Il microcemento è un materiale decorativo a base di cemento ad idraulicità nulla, esente da tossicità, di minimo spessore che permette di realizzare superfici continue senza fughe per pavimentazioni, pareti ed arredi anche a continuo contatto con l’acqua sia in interno che in esterno. Questo materiale è molto versatile: non importa quale sia la superficie, esso aderirà perfettamente. Il suo utilizzo risulta molto comodo in quanto può essere applicato su altri materiali come marmo, ceramica o cartongesso. Quanto bisogna metterne? Veramente poco: lo strato di microcemento per i rivestimenti è di 3 mm.

I vantaggi del microcemento

Il primissimo vantaggio del microcemento è certamente estetico. Il rivestimento è continuo e adatto tanto agli spazi esterni quanto a quelli interni. Applicabile sostanzialmente dappertutto: muri, soffitti, pavimenti ma anche sui mobili. Grazie alle sue caratteristiche ed alle sue qualità estetiche, il microcemento è sfruttato per ogni tipo di lavoro: la ristrutturazione di case private o di locali commerciali, ma anche grandi superfici come centri sportivi, edifici industriali, alberghi e ristoranti.

Interni in microcemento. Credits: Topciment

Un esempio pratico è fornito da Topciment, azienda leader europeo nella produzione del microcemento. Viene presentata una scelta molto ampia e vi è la possibilità di realizzare ambienti personalizzati grazie alle diverse texture, nonché una vasta gamma di colorazioni.

Dove applicarlo?

Le possibilità di questo materiale sono infinite. Di solito quando si parla di microcemento pensiamo ai muri o ai pavimenti ma in realtà non ha alcun tipo di limitazione. Dalle scale alle piscine, fino al mobilio.

Pavimentazione esterna in microcemento. Credits: Topciment. Ph: Mariela Apollonio

Per quanto concerne la pavimentazione, il rivestimento fornirà una superficie liscia, continua senza giunti o crepe. I vantaggi di ciò saranno l’assenza di zone di sporco. Questo faciliterà la pulizia e la disinfezione degli ambienti. I microcementi sono capaci di resistere all’azione del tempo e degli agenti chimici. È per questo motivo che vengono utilizzati spesso nei bagni e nelle cucine.

Il microcemento è facile da pulire per cui è idoneo per la decorazione e la restaurazione di bagni e zone esposte all’umidità. Come detto, i microcementi sono adatti anche ad elementi diversi da mura e pavimenti. Infatti, è possibile rivestire le scale o le piscine. Si può rivestire anche la corona e l’area a ttorno alla piscina. Il microcemento è infatti antiscivolo e impermeabile. Inoltre, è resistente ai raggi UV. 

Finiture e colori dei microcementi

Le diverse finiture che si possono ottenere dipendono dalle texture, che variano in base alla tipologia del microcemento, ma anche a seconda delle vernici o dei sigillanti utilizzati. Per via della sua struttura chimica, il microcemento presenta dei piccoli pori per cui è importante utilizzare un sigillante che renda impermeabile la superficie. In questo modo la superficie rimarrà pulita a lungo. È possibile inoltre scegliere tra le varie colorazioni disponibili.

Un’altro punto a favore dei microcementi, specialmente quelli di Topciment, è che non bisogna fermarsi ai colori classici come il grigio o il bianco, anzi, si può giocare con un po’ di fantasia. È possibile creare qualsiasi colore grazie al sistema di pigmentazione disponibile.

Lascia un commento