Home » I migliori studi di architettura in Italia

I migliori studi di architettura in Italia

Con la conclusone del 2022 traiamo un bilancio per gli studi di architettura italiani; ecco i migliori studi professionali che hanno primeggiato e che meritano le prime posizioni nelle classifiche generali

Categorie Architettura · News
Vuoi leggere oltre 10mila articoli di scienza e tecnologia senza pubblicità?
ABBONATI A 0,96€/SETTIMANA

Sta per concludersi il 2022 ed alle spalle ci lasciamo un bilancio molto positvo per quanto riguarda l’edilizia, l’architettura e le costruzioni in generale.

Anche quest’anno è stata redatta la classifica dei migliori studi di architettura in Italia basandosi sul fatturato relativo all’anno solare. I dieci studi che hanno totalizzato più consensi, più fama e visibilità si sono aggiudicati un posto in questa speciale classifica.

A stilare questa classifica è Guamari s.r.l.; i nomi più importanti che meritano la classifica sono quelli che hanno avuto un fatturato importante ma anche quelli che si sono distinti per incremento di fatturato ed ovviamente di maggiore visibilità. Per citare alcuni nomi possiamo tirare in ballo Renzo Piano Building Workshop oppure Fuksas Architecture, insomma nomi che sono noti anche ai non addetti ai lavori.

Molto di moda sono oggigiorno gli studi che hanno un occhio di riguardo verso temi ambientalisti, sostenibili a 360 gradi sotto tutti gli aspetti ma anche studi che sono giovani ma in forte ascesa.

migliori studi
Crediti: depositphotos.com; Grattacielo sede della banca Intesa San Paolo, progetto di Renzo Piano Building Workshop.

I dati pubblicati

La ricerca effettuata da Ernst&Young, nota società di consulenza evidenzia il valore importante e necessario che ha il settore dell’architettura in tutta la filiera dell’industria cosiddetta “creativa”. Gli studi che spiccano hanno una grossa considerazione a livello internazionale; da citare però anche i nascenti, sono studi di architettura giovani, che stanno già conquistando il panorama grazie alla partecipazione di concorsi e gare di progettazione, importante vetrina per farsi spazio ed esporsi su mercato internazionale.

Ecco l’elenco in ordine di posizione degli studi più quotati:

  • Renzo Piano Building Workshop.
  • Archea Associati.
  • Fuksas Architecture.
  • Citterio – Viel & Partners.
  • Stefano Boeri Architetti.
  • Mario Cucinella Architects.
  •  Lombardini22.
  • Genius Loci Architettura.
  •  Nemesi&Partners.
  • BDR bureau.

Ecco gli studi italiani che godono di fama internazionale

  • Renzo Piano Building Workshop.

Architetto, insignito del titolo di Senatore a vita, visionario e massimo esperto di architettura, Renzo Piano con il suo studio – Renzo Piano Building Workshop- è il “personaggio” più noto sul panorama mondiale. Il suo studio ha aperto battenti nel lontano 1981 a Genova, prima sede; successivamente con l’aumento della fama e prestigio ha aperto altre sedi; Londra e Parigi le altre di altrettanto prestigio. L’architetto Piano è stato vincitore del premio più importante di architettura, il prestigioso Pritzker Price, nel 1998.  

Il report annuale, questo del 2020, vede il suo studio al terzo posto mondiale, il report: on the Italian Construction, Architecture and Engineering Industry.  I progetti hanno interessato diverse parti latitudini terrestri, per citarne alcune: Europa, Nord America, Australia ed Asia Centrale; più di 130 progetti di valore e prestigio a firma “RPBW”. Collaborazioni, studi congiunti ed opere di spontaneo pugno e genialità giacciono beati sulle prime pagine di importanti riviste di settore. Dal Centre Georges Pompidou a Parigi alla torre The Shard a Londra, al Centro Botin de Arte y Cultura a Santander e così via per altre più famose.

  • Archea Associati

Studio con Sede a Firenze; i fondatori nel 1988 furono Laura Andreini, Marco Casamonti e Giovanni Polazzi. Oggi è in forte ascesa e le sue sedi aperte sono: Milano, Roma, Pechino, Dubai, San Paolo. I maggiori progetti che hanno realizzato sono: Cantina Antinori vicino Firenze, il World Ceramic Art City in Cina e il recente Kiss Bridge che ridisegna il waterfront dell’isola di PhúQuốc in Vietnam.

migliori studi
Crediti: depositphotos.com; Visuale interna della “nuvola” di Fuksas.
  • Fuksas Architecture

Massimiliano e Doriana Fuksas, coppia di architetti brillanti e visionari. Il primo studio fondato a Roma, le altre sedi a Parigi e in Cina, Shenzhen. Ricordiamo le opere più famose: il Museo dei Graffiti a Niaux in Francia, la nuova Fiera di Milano ed il celeberrimo capolavoro – Nuovo Centro Congressi e Hotel all’EUR noto come “la Nuvola” –

  • Citterio – Viel & Partners

Alla quarta posizione abbiamo il primo studio di architettura e design in Italia per fatturato nel 2020;  primo studio italiano in assoluto nella ENR’s Top 225 international design firms. Si tratta dello studio nato dalla congiunzione di Citterio-Viel & Partners Interiors e Citterio-Viel & Partners. Tra i vari progetti spiccano i più importanti: la riqualificazione San Babila a Milano per Goldman Sachs, il Bulgari Hotel Roma e il grattacielo Sukhumvit Thirty-Eight a Bangkok.

  • Stefano Boeri Architetti

Stefano Boeri, dal 2008 Stefano Boeri Architetti è tra i più noti a livello mondiale. Le sue sedi a Milano, Tirana e Shanghai. Il suo progetto più conosciuto il Bosco Verticale a Milano, un modello di edificio residenziale sostenibile; anche altre realizzazioni sono degne di nota come falsa scia dell’opera sperimentata a Milano ma oramai divenuta un format ben congeniato. Il Bosco Verticale di Nanchino e la Torre dei Cedri a Losanna; due dei capolavori che hanno come idea base la stessa del Bosco Verticale di Milano.

  • Mario Cucinella Architects

Mario Cucinella nasce come studio fuori dai confini Nazionali; il primo studio a Parigi nel 1992 per poi ricongiungersi in Italia, a Bologna nel 1999. Lo ricordiamo per il Padiglione Italia alla Biennale di Architettura 2018 ma è anche un fervido e distinto sostenitore della sostenibilità con il suo tipico approccio avanzatamente sostenibile alla progettazione, tant’è che nel 2009 e nel 2011 ha vinto il premio MIPIM nella categoria green building. Altra opera degna di nota al Salone del mobile di Milano l’istallazione “Design with Nature”, immaginata dall’architetto per celebrare i 60 anni del Salone.

Elenchiamo adesso i migliori studi di architettura che si sono distinti entro i confini nazionali

migliori studi
Crediti: Lombardini22.com; interni Microsoft House-Milano, studio Lombardini22.
  •  Lombardini22

Nato nel 2007 lo studio Lombardini22 è al primo posto indiscusso tra gli studi di Architettura e ingegneria in Italia. Lo studio si occupa di ogni ambito che riguarda l’intero processo edilizio. I sette soci che compongono il nucleo dello studio sono in grado di analizzare ogni aspetto dell’intero involucro edilizio. Tuttavia ricordiamo tra i maggiori interventi: Microsoft House a Milano, la ristrutturazione di Sarca 222 nella periferia nord-orientale di Milano e la sede del Il Sole 24 Ore, sempre a Milano.

  • Genius Loci Architettura

Lo studio Genius Loci Architettura consta di 5 soci; fondato nel 1997 vanta di sedi a Milano e Firenze. Ricordiamo tra le maggiori architetture: il quartier generale di Gucci e la ristrutturazione del Palazzo Generali a Firenze.

  • Nemesi&Partners

Michele Molè trasforma il suo -Studio internazionale di architettura e design- fondato nel 1997, in “Nemesi&Partners”, ingrandendosi e migliorando la sua posiziono con l’entrata di Susanna Tradati come partner associato. Le sedi sono quella di Roma e poi Milano. Tra i maggiori e più apprezzati lavori abbiamo: il Padiglione Italia realizzato per Expo 2015. Ma tra i più importanti abbiamo il nuovo centro direzionale ENI a San Donato Milanese e il quartier generale Istat a Roma.

Crediti: bdrbureau.com; esterno della scuola media Fermi di Torino, studio BDR.
  • BDR bureau

Alberto Bottero e Simona Della Rocca giovani architetti fondano “BDR”, lo studio con sede a Torino. Tra i maggiori interventi citiamo quello che ha reso prestigioso lo studio nel 2019: intervento di recupero della scuola media Fermi di Torino. Nonostante la giovane entrata nelle elite già vantano numerosi premi e riconoscimenti tra i quali: la nomina di Giovane Talento dell’Architettura Italiana 2019, la menzione per la categoria Opere di Restauro o Recupero alla Festa dell’Architetto del CNAPPC e il Premio T Young Claudio De Albertis inserito all’interno della premiazione del “titolo italiano di Architettura 2021”.

Lascia un commento