Domani 26/09 verranno presentati i due progetti concorrenti per la realizzazione del nuovo San Siro. Le due idee sono state scelte dopo una prima selezione che ha visto tra gli esclusi il progetto di Stefano Boeri. Il primo è stato proposto dallo studio americano Populus, già autore del Tottenham Hotspur Stadium, mentre il secondo dagli studi Progetto CMR e Manica. Tra le richieste avanzate dalle due società ci sono non solo questioni di carattere economico/logistico, come la riduzione del numerondi posti, gli skybox e un villaggio commerciale, ma anche ambientali. È richiesto per il nuovo San Siro che siano previste grandi aree a verde e la riduzione di emissioni di CO2.

Il passaggio fondamentale che lo stadio vivrá domani è il frutto di lunghe trattative prima tra le due società  calcistiche committenti, Inter e Milan, poi con il comune di Milano rappresentato dal sindaco Giuseppe Sala. Dopo l’assegnazione delle olimpiadi invernali 2022 il primo cittadino milanese si espresse negativamente in merito alla demolizione del vecchio San Siro, considerato dalle due società calcistiche inadeguato, poiché avrebbe voluto che fosse stata quella la cornice della giornata inaugurale. Ma ultimamente ha aperto alla cessione dello stadio per circa 70mln di euro. Qui per la storia dello stadio più importante d’Italia.

Nuovo San Siro, domani la presentazione
rollingstone.it

Il progetto di Populus

L’area interessata ricordiamo essere molto estesa e lascia molto spazio per ogni attività richiesta. Per il progetto del nuovo San Siro, Populus ha ideato un’areana a pianta rettangolate in calcestruzzo armato, acciaio e vetro, con guglie ispirate al Duomo. Nell’intero villaggio sportivo saranno presenti: una torre uffici, un centro commerciale, un parco urbano (con accesso alla rete tranviaria e metropolitana) e ovviamente lo stadio. È prevista anche il posizionamento di impianti fotovoltaici sulle coperture degli edifici, rendente l’intera area autonoma energicamente.

Il progetto di Progetto CMR e Manica

Di questo progetto le informazioni sono davvero esigue. Si dice che sia il probabile perdente del concorso per il nuovo San Siro, ma ad ogni modo dalle immagini si nota una vena avvenieristica nelle forme. Lo stadio è  il frutto dell’intersezione di due anelli, simbolo dell’accordo tra Milan e Inter. Anche qui grandi aree a verde e una torre per uffici.