SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

Il ponte sospeso dell’Asse Nord-Sud di Bari

Per chi come me viaggia ogni giorno in treno dal nord della Puglia verso Bari, non ha potuto fare a meno di notare un grandissimo ponte in costruzione appena si entra in città, riconoscibile soprattutto da una grande “torre” alzata in pochi mesi; giorno per giorno l’ombra che questo ponte proiettava sui binari della ferrovia è diventata sempre più grande, fino a quando i due lembi non si sono uniti definitivamente, in maniera anche abbastanza romantica. Ebbene, il ponte che ogni giorno migliaia di pendolari inconsciamente si ritrovano sulla loro strada, diventerà una delle opere civili più importanti del Sud Italia e un’opera unica al mondo nel suo genere, e finalmente quest’anno vedrà la sua conclusione, dopo i classici problemi burocratici italiani.

Asse Nord-Sud di Bari
bari.repubblica.it

Il progetto per il ponte dell’Asse Nord-Sud di Bari è stato approvato nel lontano 2008 dal Comune di Bari, ed è stata affidata la sua costruzione alla società RPA di Perugia, che opera nel settore delle costruzioni civili. La particolarità di questa opera è nella tipologia: è uno dei pochi ponti strallati a pilone unico centrale al mondo ed uno dei più lunghi del Sud Italia. Il ponte strallato è caratterizzato dal fatto di avere degli stralli, ovvero dei cavi in acciaio che collegano direttamente il piano dell’impalcato alle torri assumendo una forma rettilinea, differente dei ponti sospesi classici dove i cavi assumono una forma approssimabile ad una parabola; questa scelta permette di coprire luci più grandi assicurando la staticità del sistema e ormai viene utilizzata come tipologia costruttiva per i ponti di tutto il mondo, come testimonia anche il ponte di Oresund, di cui abbiamo già parlato (Il ponte di Oresund)

Il ponte dell’Asse Nord-Sud di Bari è sospeso a 10 metri di altezza ed ha una luce di 225 m, che lo pone tra i primi posti in Italia come lunghezza della campata principale, secondo solo al ponte strallato sul fiume Adige in Trentino (310 m) e più lungo dell’Indiano di Firenze (206 m) e del bellissimo ponte di Calatrava a Reggio Emilia (220 m). Nulla a che fare però con l’ingegneria estrema estera: il ponte strallato più lungo del mondo è quello dell’isola Russkij in Russia, con una lunghezza della campata principale di 1104 m. Tutti questi ponti appena descritti così come la maggior parte dei ponti strallati nel mondo sono però sorretti da 2 o più piloni principali; il nuovo ponte di Bari invece ha solamente un unico grande pilone, che lo rende unico al mondo nel suo genere.

Asse Nord-Sud di Bari
bari.repubblica.it

Il ponte dell’Asse Nord-Sud di Bari è completato da due viadotti laterali di lunghezza 245 m e 156 m, per un totale di 626 m che collegheranno facilmente due parti di Bari divise dalla ferrovia. Il profilo di progetto è stato centrato sull’asse del pilone centrale del ponte strallato, ed adattato con due vertici altimetrici in posizione simmetrica: si è ottenuta così una doppia simmetria, planimetrica e altimetrica, nell’intento di ottimizzare la fabbricazione ed il montaggio dei vari elementi strutturali.

Asse Nord-Sud di Bari
bari.repubblica.it

Il pilone centrale è alto 225 m e in esso convergono i resistenti cavi in acciaio che sorreggono la struttura, anch’essa completamente in acciaio, ed è stato posizionato tra i binari della ferrovia. Il ponte sarà riservato al solo transito delle auto, con 4 corsie di percorso ciclopedonale larghe due metri e mezzo.

Asse Nord-Sud di Bari
bari.repubblica.it

I lavori strutturali sono finalmente terminati in questi giorni con il posizionamento dell’ultima trave, rimangono ora solo i lavori di finitura. L’inaugurazione è prevista per settembre, e a meno di grandi sorprese, Bari sarà collegata da un’opera di ingegneria unica al mondo.

CUE FACT CHECKING

CueEngineering.it si impegna contro la divulgazione di fake news, perciò l’attendibilità delle informazioni riportate su buildingcue.it viene preventivamente verificata tramite ricerca di altre fonti.

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

6 COMMENTI

  1. Certo che con il progetto iniziale dove il pilone principale aveva una configurazione decisamente più futuristica, ciò avrebbe dato un connotato di più ampio respiro. Peccato. Accontentiamo, comunque, e’ sempre un bel vedere. Rendiamolo più suggestivo con impianto di illuminazione degno di tale struttura. Lino Rossini

    • Ciao Lino, hai ragione! Ma comunque rimane davvero una grande e importante opera realizzata nel Sud Italia, e non è cosa comune. Sono d’accordo sull’illuminazione, sarà fondamentale per il colpo d’occhio finale. Ti ringrazio per il feedback, continua a seguirci su CloseUp!

  2. Articolo interessante! In realtà ci sono tanti altri ponti al mondo a pilone unico…basti pensare al ponte sul fiume Tuir in Irlanda. E’ il gemello più grande del ponte dell’asse nord sud ma molto più grande, e disegnato dallo stesso architetto spagnolo Carlos Fernandes Casado (non so perchè non lo cita più nessuno).
    http://www.cfcsl.com/portfolio/puente-sobre-el-rio-suir-waterford-irlanda-2009/

    Credo sia uno dei pochi ponti strallati a pilone unico con asse sghembo rispetto alla direzione della carreggiata. Infatti il pilone ad Y rovesciata non è perpendicolare rispetto alla carreggiata stessa.

    • Ciao wasca, grazie per il feedback, sono contento che l’articolo ti sia piaciuto. Ad essere onesto non conoscevo questo ponte sul fiume Tuir, ma mi sembra molto interessante, in futuro ci si potrebbe scrivere un articolo. Ti ringrazio ancora, continua a seguirci su CloseUp!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Massimiliano Russohttp://building.closeupengineering.it
Laureato Triennale in Ingegneria Civile e Ambientale presso il Politecnico di Bari, laureato Magistrale in Ingegneria Strutturale presso l'Università di Pavia. Responsabile editoriale di BuildingCuE, in passato ha scritto anche per Teknoring. La divulgazione scientifica rappresenta la sua missione quotidiana.