tunnel

    Tunnel del Brennero: esiste veramente o invenzione del Ministro Toninelli?

    Hanno fatto tanto parlare negli ultimi giorni le dichiarazioni del Ministro delle Infrastrutture e dei trasporti Danilo Toninelli che riferendosi al tunnel del Brennero ha detto che gli imprenditori italiani utilizzano la galleria del Brennero per trasportare le merci, ignorando forse che il tunnel del Brennero – che collegherà l’Italia con l’Austria – non esiste ancora.

    “Sapete quante delle merci italiane, quanti degli imprenditori italiani utilizzano con il trasporto principalmente ancora su gomma il tunnel del Brennero, e oggi dobbiamo purtroppo subire limitazioni settoriali da parte delle autorità del Tirolo che danneggiano fortemente l’economia italiana.”

    L’unica volta che gli imprenditori possano essere entrati è all’apertura di domenica 23 settembre del cantiere del Sotto-attraversamento dell’Isarco, nei pressi Fortezza dove oltre 4.800 visitatori entusiasti hanno popolato il cantiere.

    PH: https://www.bbt-se.com/it

    Di certo però il web non è stato clemente neanche questa volta con lui. Qualche post satirico addirittura ha paragonato lo stesso Ministro all’ “ingegner cane” personaggio impersonato da Fabio de Luigi per la trasmissione Mai dire domenica.

    Ph:https://www.ildolomiti.it

    Per ora di indiscutibile c’è che la Galleria di Base del Brennero non è ancora conclusa (fine lavori prevista nel 2025) e quando lo sarà permetterà solo l’attraversamento ferroviario per una lunghezza di 55 km. Collegherà Fortezza (Italia) a Innsbruck (Austria) interconnettondosi con la circonvallazione ferroviaria esistente ed assumerà, di conseguenza, un’estensione totale di 64 km, divenendo così il collegamento sotterraneo più lungo al mondo. La Galleria di base del San Gottardo, di cui vi abbiamo già parlato su queste pagine, inaugurata nel 2016, è attualmente la galleria più lunga del mondo con i suoi 57 km e verrà messa in secondo piano quando aprirà la Galleria di base del Brennero. Secondo Klaus Felsch di Heidelberg Cement, specialista nella costruzione di infrastrutture per i trasporti, persino il progetto Stuttgart 21 con i suoi 120 km di gallerie (per il quale l’azienda sta fornendo calcestruzzo) risulta di minore importanza al confronto. Infatti, quando tutti tunnel delle gallerie richiesti per il progetto BBT verranno collegati, costituiranno un totale di più di 230 km, 62 dei quali sono già stati scavati.

    PH: https://www.ots.at/a/OBS_20180327_OBS0016

    Vuoi leggere i nostri articoli senza pubblicità?

    Sostieni il nostro progetto e avrai la possibilità di: