SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

TAV Lione-Torino: cosa prevede o prevedeva il progetto iniziale?

Tav significa “treno ad alta velocità”. Di Tav, però, se ne parla principalmente per riferirsi al progetto della nuova linea ferroviaria tra Torino e Lione, in fase di realizzazione da ormai più di trent’anni, la cui utilità tanto ha fatto (e fa tuttora) discutere l’opinione pubblica. Al vaglio del governo è ora la fattibilità dell’opera con un analisi costi benefici per l’Italia e l’Europa che ha fatto tanto discutere in questi giorni.

I primi progetti di collegamento tra l’Italia e la Francia risalgono al 1996. La prima intesa tra i due paesi risale al 1992 quando durante un summit in Costa Azzurra i due governi decisero di studiare un nuovo collegamento tra i due paesi che arrivasse all’arco alpino occidentale.

Progetto

Complessivamente, la tratta, che sarà lunga in totale 270 km, è suddivisa in tre parti:

  • Una italiana, tra Susa/Bussoleno e Torino, di competenza della Rfi (Rete ferroviaria italiana);
  • Quella francese, che collega Saint-Jeane-de Maurienne e Lione, affidata invece alla Sncf (Société Nationale des Chemins de fer Français);
  • Infine, quella transfrontaliera, tra Susa/Bussoleno e Saint-Jeane-de-Maurienne, lunga 65km, di cui 57,5 km di galleria a doppia canna, una per ogni senso di marcia, nel tunnel di base (ovvero che passa lungo la base della montagna) del Moncenisio, 45 in territorio francese e 12,5 in Italia.

La parte più costosa è ovviamente lo scavo della galleria che complessivamente comprenderà 162 km di gallerie tra le due canne del tunnel, i by-pass di collegamento fra queste e le gallerie di accesso. Ad oggi è stato scavato solo il 15 %.

Studi preliminari

Nel 2001 parte la fase degli studi e delle opere preliminari, dal 2002 si inizia a scavare per realizzare le discenderie o tunnel geognostici, necessari per sondare la consistenza e le caratteristiche della montagna che il tunnel di base dovrebbe attraversare, quattro in territorio francese – l’ultima delle quali è in fase avanzata di realizzazione, a Saint-Martin-la-Porte – e una sul lato italiano, a Chiomonte, in Val Susa, il tunnel della Maddalena, lungo 7,5 chilometri e finito di scavare nel 2007.

Sia in Francia che in Italia iniziano le proteste per quest’opera di 8,6 miliardi di euro di cui il 40% finanziato dall’Europa, il 35% dall’Italia e il 25% dalla Francia.

Nella fase iniziale, il progetto preliminare comprende un viadotto che attraversa la Valle Cenischia e lo sbocco del tunnel di base a Venaus. Tra il 2007 e il 2008, con l’Accordo di Pra catinat, la Torino-Lione cambia il tracciato della tratta, frutto del lavoro dell’Osservatorio e nel 2010 si passa alla progettazione preliminare. L’Unione europea assegna per il periodo 2007-2013 671 milioni per la fase di studio e per i lavori preparatori.

PH: sole24ore

Caratteristiche del Tunnel

Il tunnel di base del Moncenisio, lungo 57,5 km, di cui 45 in territorio francese e 12,5 in territorio italiano, sarà costituito da due canne a singolo binario (per un totale di 162 km di gallerie fra quelle effettivamente percorse da treni e quelle di servizio), collegate da cunicoli trasversali ogni 300 metri. Le quattro discenderie già scavate con funzione geognostica consentiranno la ventilazione.

I tunnel avranno raggio interno di circa 4.20/4.35 metri: a titolo di confronto il Tunnel della Manica ha un raggio di 3.80 m e cunicoli trasversali ogni 375 m.

Il tracciato sarà tendenzialmente rettilineo. Conformemente alla normativa europea sulle STI, la pendenza massima sarà del 12.5‰ e la sagoma GC consentirà il transito dei profili P/C 80. LTF ha stimato che ogni treno merci potrà viaggiare con velocità di pianura ed “essere configurato con portata (da 1.050 a 2.050 t) e lunghezza superiori (750 m) a fronte di un costo energetico molto minore con riduzione del 42% del costo di attraversamento grazie anche all’abbattimento dei costi di trazione (locomotori di rinforzo)”. Con questi requisiti, di pendenza, rettilinearità e sagoma, l’opera avrà le stesse caratteristiche dei nuovi tunnel ferroviari alpini già realizzati o in corso di realizzazione in Svizzera e Austria. Nel tunnel i treni passeggeri potranno raggiungere velocità di punta di 220 km orari.

Dall’autunno 2016 è in corso lo scavo con TBM di una galleria geognostica di 9 km, nell’asse e del diametro di una delle due canne del futuro tunnel di base, che dalla discenderie di Saint-Martin-La-Porte raggiungerà quella di La Praz.

PH:wikipedia

Per approfondire:

La risposta alla nuova analisi TAV Torino Lione- Finance CUE

La verità sulla TAV Torino-Lione

TAV: il lento sviluppo dell’alta velocità

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Alessio Cilibertihttps://buildingcue.it
Iscritto al secondo anno di laurea magistrale in Civil engineering all'Università di Bologna. Ha effettuato nell'anno 2018 un periodo di scambio nell'ambito del programma Erasmus+ presso la Bauhaus university di Weimar in Germania. Attualmente è visiting scholar presso l'ETH di Zurigo dedicandosi alla ricerca per tesi relativa alla dinamica strutturale. Appassionato di recupero di strutture e di ingegneria sismica, nonchè di monitoraggio strutturale.