Avevamo già parlato in questi articoli (Seabin, un bidone galleggiante per ripulire il mare e Arrivano le scarpe create dalla spazzatura raccolta in mare) di come si stia cercando di lanciare forti segnali ambientali e di come il problema dei rifiuti negli oceani sia davvero serio. Basta solamente un numero per fare capire la gravità del problema: si è stimato che esistano almeno 5 enormi isole di plastica galleggiante che si sono formate negli anni a causa delle correnti oceaniche, che fanno convergere in determinati punti i rifiuti di vari continenti; solamente una di queste 5 isole, scoperta dal capitano Charles Moore nel 1997, situata nel Pacifico Settentrionale, è grande quasi quanto l’intera Europa. La plastica è un materiale infame, inquinante e duro a degradarsi, per questo il problema è davvero serio. Spinti dalla passione per l’ambiente, Boyan Slat e il suo amico Nguyen Tan, appena 17enni, fondano l’associazione Ocean CleanUp per partecipare ad un progetto scolastico di fine anno; dopo ore di lavoro e molti anni, i due ragazzi arrivano all’idea definitiva con il progetto The Ocean CleanUp, vincitore di diversi premi presso l’Università Tecnica di Delft, ed esposto anche in comizi pubblici presso l’annuale conferenza di TED.

Ocean CleanUp, un progetto per ripulire gli oceani
theoceancleanup.com

Dato che muoversi negli oceani è abbastanza rischioso e spesso inefficiente, Ocean CleanUp nasce con una domanda intrinseca: perché muoversi attraverso l’oceano, quando è l’oceano stesso che ci trasporta? Invece di andare alla ricerca di rifiuti sparsi, Ocean CleanUp prevede un insieme di lunghe barriere galleggianti che, intercettando le correnti oceaniche, fanno convergere i rifiuti superficiali in un punto centrale dove poi possono essere raccolti e riciclati.

theoceancleanup.com
theoceancleanup.com

Queste barriere sono delle vere e proprie “braccia” galleggianti posizionate a forma di V che sono in grado di coprire il raggio di una tipica corrente circolare oceanica; in questa maniera è la corrente circolare stessa che spinge i rifiuti verso le braccia, che grazie alla loro inclinazione raccolgono come un imbuto tutti i rifiuti e li fanno convergere verso un punto centrale. In questo punto è presente una piattaforma di raccolta che conserva i rifiuti di plastica fino a che non sono trasportati sulla terraferma, dove poi saranno riciclati.

theoceancleanup.com
theoceancleanup.com

Al di sotto di queste braccia sono presenti dei setti profondi un paio di metri in modo tale da permettere che i rifiuti solidi si possano concentrare in maniera sicura lungo le braccia e soprattutto, poiché la corrente tende a passare sotto questi setti, permette che la vita marina non sia intaccata da questo sistema artificiale e sia spinta naturalmente dalle correnti, che quindi aiutano i pesci a superare i setti, cosa che normalmente non accadrebbe con le reti, dove gli animali rimangono tutt’oggi intrappolati.

Gli studiosi ritengono che con Ocean CleanUp si potrebbe rimuovere il 42% dei rifiuti di plastica che galleggiano nell’oceano, in un periodo di 10 anni. Si parla di numeri enormi, quasi 7,25 miliardi di kg di rifiuti inquinanti potrebbero essere catturati da questo apparecchio.

Ed è notizia di pochi giorni fa che il progetto sarà per la prima volta messo in atto: infatti la Ocean CleanUp Foundation installerà nell’estate di questo anno 100 metri di barriera nel Mare del Nord, a circa 23 km a largo delle coste della Danimarca.

theoceancleanup.com
theoceancleanup.com

Sarà la prima volta che la barriera verrà testata in mare aperto” dice Boyan Slat, oggi 20enne “l’obiettivo principale nel Mare del Nord sarà monitorare gli effetti della barriera sulla vita marina, studiando le onde e le correnti. La barriera galleggiante sarà monitorata giorno per giorno da telecamere e sensori.

Un ragazzo 20enne, aiutato da un team di 50 ingegneri, studenti ed esperti, supportato dalla sua Università, ha realizzato un progetto che potrebbe salvare il mondo dall’inquinamento.