uBroker è una star-up torinese nata nel gennaio 2015 e fondata da Cristiano Bilucaglia (Chairman) e Fabio Spallanzani (CSO). L’obiettivo di questa azienda è molto chiaro e interessante: creare un gruppo che fornisca servizi di energia elettrica e gas sotto un unico operatore. Avere un solo referente per tutta una vasta gamma di servizi è un modo molto importante per risparmiare tempo, denaro e risorse: in un periodo di forte confusione è strettamente necessario avere tutto sotto controllo.

Ma questo non è l’unico obiettivo di uBroker: tramite il piano Scelgo Zero infatti l’azienda ha come obiettivo quello di ridurre la spesa delle bollette dei suoi utenti fino a portarle a zero. Semplicità, flessibilità ed economicità fanno di uBroker un’alternativa fresca ed innovativa ai classici contratti dei più famosi gestori di energia, altamente presenti in televisione con spot costosi ed esosi, ma mai realmente dalla parte del consumatore.

Il risparmio è social grazie a Scelgo Zero

uBroker e Scelgo Zero, il piano che azzera le bollette
uBroker. PH: scelgozeroerisparmio.blogspot.it

Il risparmio con uBroker va di pari passo con la tecnologia e la società e per questo è nato Scelgo Zero, il primo “social utility network”, il mezzo tramite il quale è possibile risparmiare e arrivare a spendere davvero zero per le proprie bollette. L’idea è quella di entrare a far parte di una community come in qualsiasi social network, connettendosi con altre persone che usufruiscono del servizio, ma il cui unico oggetto di discussione è la “utility“, ovvero il servizio di energia elettrica, gas e telefonia. Creata la propria rete di contatti è possibile risparmiare tramite il passaparola: per ogni amico coinvolto, l’utente potrà ricevere uno sconto approssimabile ad 1 euro in ogni bolletta futura. Numeri che nel breve periodo potrebbero non dire niente, ma che nel lungo periodo, espandendo la propria rete, potrebbero portare l’utente a risparmiare il 20, 50 e addirittura il 100% delle spese nella propria bolletta, semplicemente coinvolgendo più persone possibili.
L’idea alla base è interessante e fa leva sull’istinto primordiale dell’uomo di condividere venendo in questo caso ripagato. L’utente fa passaparola, risparmia e, soddisfatto del servizio, promuove ZERO in cambio di altri benefici, andando a creare una sorta di partnership personale tra il singolo cliente e l’azienda che, sfruttando il contenuto virale, si espande a macchia d’olio senza bisogno di pubblicità.

ZERO ha le tariffe più basse sul mercato

uBroker e Scelgo Zero, il piano che azzera le bollette
scelgozero.wordpress.com

Dopo un’attenta analisi di tutte le tariffe dei vari operatori presenti sul mercato, uBroker è riuscita a mantenere le proprie tariffe leggermente al di sotto del 5% rispetto alla concorrenza. Questo è stato possibile perché Scelgo Zero si basa esclusivamente sul passaparola degli utenti e non sperpera nel marketing promozionale come fa la maggior parte delle grandi aziende, rimaste ancorate a programmi di fidelizzazione di stampo tradizionale, che comportano costi per la realizzazione di campagne promozionali in radio, tv e in giro per le strade con l’affissione di manifesti. In ZERO sono i clienti stessi a far conoscere la piattaforma alla loro cerchia di persone, ottenendo in cambio sconti sul loro conto che vanno a riempire un salvadanaio che ogni mese si svuota nella bolletta come credito da pagare. Oltre a tagliare i costi delle bollette con ZERO si azzerano anche accise, tasse e canone Rai.

Il tutto tramite un’app

uBroker e Scelgo Zero, il piano che azzera le bollette
ubroker.it

Niente più documenti, cartacce, contratti e quella miriade di fogli che invadono le nostre scrivanie: con uBroker tutto è controllabile tramite una web-app semplice ed efficiente, dal quale è possibile gestire il proprio profilo in maniera autonoma. È possibile inoltre contattare l’assistenza anche tramite l’applicazione di messaggistica WhatsApp, mentre le auto letture del contatore possono essere inviate tramite posta elettronica o mediante l’invio di una foto scattata con il proprio smartphone. Inoltre disdire il proprio contratto attuale è molto semplice, dal momento che è uBroker stessa a comunicare la volontà di recesso all’attuale operatore e ad avviare le pratiche per la nuova fornitura.

I numeri fino al 2017

Lo scopo di ZERO è quello ridurre la spesa delle bollette dei suoi iscritti, fino a portarla definitivamente a zero, per sempre. La chiusura dell’anno è stata in linea con le aspettative: uBroker al 2017 ha azzerato 3365 bollette e sono tantissimi gli utenti che hanno accumulato sconti al 50, 70, 99% che sono vicini all’azzeramento totale. Tutto questo si traduce in 2 milioni di euro risparmiati dai clienti e una crescita del 300% dell’azienda, destinata a crescere ulteriormente anche per il 2019. uBroker sfrutta il concetto di virale e lo porta all’estremo in maniera positiva, traendone un vantaggio per sé stessa e per i propri clienti. Dal momento che i clienti possono liberamente scegliere da quale fornitore e a quali condizioni comprare l’elettricità e il gas, uBroker è ormai una certezza più che una scommessa.