SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

UniBo ricerca: un progetto per combattere la crisi idrica in Tunisia, Marocco ed Egitto

Si chiama MADFORWATER e punta a sviluppare e adattare al contesto nordafricano soluzioni tecnologiche e gestionali dedicate al trattamento delle acque reflue e al loro riutilizzo in campo agricolo Bologna – Nei paesi africani del Mediterraneo, dove l’agricoltura rappresenta tra l’80 e l’85% del consumo di acqua dolce, il cambiamento climatico e la crescita demografica stanno generando una situazione di crisi idrica sempre più pressante.

unibo madforwater
www.magazine.unibo.it

È questo il contesto da cui parte MADFORWATER, nuovo progetto Horizon 2020 dedicato a creare soluzioni tecnologiche per la gestione delle risorse idriche in Tunisia, Marocco ed Egitto. Coordinato dai ricercatori dell’Università di Bologna Dario Frascari e Giulio Zanaroli, MADFORWATER coinvolge diciotto partner provenienti da undici diversi paesi, che oggi e domani si ritrovano a Bologna, nel Plesso di Via Terracini della Scuola di Ingegneria e Architettura dell’Alma Mater per il kick-off meeting di avvio ufficiale dei lavori.

Durante i prossimi quattro anni, con il coordinamento di Unibo, i partner saranno impegnati a sviluppare e adattare al contesto nordafricano soluzioni tecnologiche e gestionali dedicate al trattamento delle acque reflue e al loro riutilizzo in campo agricolo. Pensate per adattarsi ai principali bacini idrologici dei tre paesi coinvolti, le nuove tecnologie sviluppate saranno in grado di generare risorse idriche per l’irrigazione recuperandole dai canali di drenaggio e dalle acque di scarto a livello municipale e industriale.

Al tempo stesso, il progetto svilupperà nuove soluzioni per implementare pratiche di efficienza idrica e riutilizzo delle acque in agricoltura. Anche grazie alla collaborazione con gli attori locali coinvolti, che permetterà di adattare con precisione gli strumenti individuati ai diversi contesti specifici, il progetto MADFORWATER punta a produrre un impatto rilevante e a lungo termine in Egitto, Marocco e Tunisia per quanto riguarda il trattamento e il riutilizzo delle acque reflue, migliorando la produzione agricola e riducendo al tempo stesso lo sfruttamento delle riserve idriche e l’inquinamento delle acque.

Grazie per essere arrivato fin qui

Per garantire lo standard di informazione che amiamo abbiamo dato la possibilità ai nostri lettori di sostenerci, dando la possibilità di:
- leggere tutti gli articoli del network (10 siti) SENZA banner pubblicitari
- proporre ai nostri team le TEMATICHE da analizzare negli articoli

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Redazionehttp://closeupengineering.it
Contatta la redazione di Close-up Engineering per informazioni, approfondimenti o per inviare i tuoi articoli all'indirizzo: desk@closeupengineering.it