Home » Sistemi radianti: i vantaggi per il settore terziario

Sistemi radianti: i vantaggi per il settore terziario

I sistemi radianti possono essere un'alternativa efficiente ai tradizionali sistemi ad aria forzata che presentano diversi inconvenienti.

Categorie Edilizia · Infrastrutture

Il riscaldamento mediante i sistemi radianti risulta un’ottima alternativa ai tradizionali sistemi ad aria forzata. In genere, esistono due metodi per riscaldare e raffreddare gli ambienti. È possibile riscaldare e raffreddare a distanza l’aria, quindi disperdere l’aria condizionata attraverso i condotti. Oppure, si può utilizzare la tecnologia radiante per riscaldare grandi superfici come i pavimenti o le pareti e consentire al calore di diffondersi delicatamente nello spazio. 

Problematiche dei sistemi non radianti ad aria forzata

I sistemi ad aria forzata presentano degli inconvenienti. L’aria non è un mezzo ideale per trasmettere calore o freschezza; quindi, l’inefficienza energetica dovuta alla perdita o al guadagno termico è inevitabile. Inoltre, la rete di canalizzazione necessaria per distribuire l’aria condizionata è sempre soggetta a perdite d’aria dovute al dissipamento potenziale dei condotti. 

Quota Zero AD è un sistema radiante a pavimento

I sistemi ad aria forzata sono rumorosi e, per definizione, generano correnti d’aria nella stanza, sollevando polvere e altri particolati non sono indicati per le persone predisposte ad allergie o altamente sensibili. I sistemi di riscaldamento radiante si sono invece rivelati un’ottima opzione per riscaldare ambienti con maggiore efficienza, offrendo comfort, salubrità e prestazioni più elevate. 

È proprio grazie alla consapevolezza di questi vantaggi che RDZ, azienda italiana presente nel settore del riscaldamento radiante dal 1978 , ha scelto di investire in questo segmento di mercato con lo scopo di migliorare il comfort negli ambienti del settore residenziale, terziario e industriale, nuovi e da riqualificare, sempre attenta alla ricerca di materiali ad alto standard qualitativo e tecnologico.

Funzionamento del riscaldamento radiante

Il principio alla base dei sistemi di riscaldamento radiante è quello di riscaldare il pavimento, le pareti o i soffitti; quindi, chi vive in tale ambiente sarà riscaldato dal calore irradiato da quelle superfici. 

Quota Zero AD è un sistema radiante a pavimento
  • Riscaldamento radiante ad acqua: Il riscaldamento radiante idronico viene installato al di sotto dei pavimenti o nei soffitti. Esso consiste in una rete di tubazioni fissate a una base isolante nella quale circola l’acqua calda. Questo sistema riscalda le superfici che irraggeranno il calore in modo uniforme e confortevole. Il sistema a pavimento, poiché  riscalda solo ad altezza d’uomo, è particolarmente indicato per tutti gli edifici caratterizzati da gradi spazi e soffitti alti.
  • Riscaldamento radiante elettrico: I pavimenti possono essere efficacemente convertiti in sistemi di riscaldamento radiante mediante l’installazione di cavi che creano calore elettrico mediante resistenza sotto il pavimento. In alcuni casi, il cablaggio dei sistemi radianti elettrici è integrato in tappetini monopezzo per l’installazione sotto piastrelle o altri rivestimenti per pavimenti che conducono il calore in modo efficiente. Poiché le tariffe dell’elettricità variano durante un periodo di 24 ore, il riscaldamento radiante elettrico è più efficiente quando viene utilizzato in edifici commerciali in cui esiste una massa termica, come una spessa lastra di cemento, per assorbire il calore prodotto durante le ore di energia a basso costo, quindi ri-irradiarlo lentamente durante le ore del giorno in cui l’elettricità è più costosa.

Funzionamento del raffreddamento radiante

Invertendo i principi del riscaldamento radiante, un sistema di raffrescamento radiante estrae il calore dagli ambienti e abbassa la temperatura interna. Un sistema tipico impiega pannelli metallici a soffitto ad alto assorbimento di calore in cui sono integrati tubi che fanno circolare l’acqua refrigerata. I pannelli a soffitto agiscono come scambiatori di calore passivi, assorbendo l’energia termica in aumento dall’aria e trasportandola nell’acqua. Affinché il processo funzioni in modo efficiente, l’aria all’interno dell’ambiente deve essere adeguatamente deumidificata 

Lascia un commento