Home » News » Venezia e il nuovo ticket di accesso: come funziona

Venezia e il nuovo ticket di accesso: come funziona

Scopri come funziona il sistema di prenotazione e contributo per accedere a Venezia, chi è esentato e quali sono le sanzioni per i trasgressori.

Categorie News · Urbanistica
Vuoi leggere oltre 10mila articoli di scienza e tecnologia senza pubblicità?
ABBONATI A 0,96€/SETTIMANA

Dal 25 aprile 2024, Venezia introdurrà un contributo d’accesso obbligatorio per i visitatori giornalieri. La misura mira a gestire il flusso turistico e preservare il patrimonio storico della città. Scopriamo insieme come funziona questo nuovo sistema.

Come funziona il ticket d’ingresso a Venezia

Il contributo d’accesso, approvato dal governo e gestito dal Comune di Venezia, richiede una prenotazione online e il pagamento di 5 euro per accedere alla città nei giorni più affollati. I visitatori dovranno registrarsi sul sito “cda.ve.it”, ottenere un codice QR e programmare la loro visita nei giorni definiti “bollino nero”.

Chi è esentato dal pagare il ticket a Venezia

  • Residenti e Nativi Veneziani: Non necessitano di alcun ticket o registrazione.
  • Visitatori delle Isole Minor: L’accesso alle isole minori di Venezia, come Murano e Burano, non richiede il ticket.
  • Alloggiati in Strutture Ricettive: Chi pernotta in hotel o altre strutture ricettive è esentato dal contributo, ma deve comunque registrarsi online.
  • Bambini sotto i 14 anni: Non sono soggetti al contributo d’accesso.
  • Residenti del Veneto: Devono registrarsi ma non pagano il contributo.

Come ottenere il ticket

Per chi non ha accesso a internet, il ticket può essere acquistato presso le tabaccherie italiane convenzionate. È anche possibile ottenere il ticket in modo anonimo presso punti informativi situati in luoghi strategici come piazzale Roma e la stazione ferroviaria di Santa Lucia.

Sanzioni per i trasgressori

Il mancato possesso del ticket o del codice di esenzione comporta sanzioni amministrative che variano da 50 a 300 euro, oltre alla possibilità di altre conseguenze legali per chi dichiara falsamente di avere diritto all’esenzione.

L’introduzione del contributo d’accesso a Venezia rappresenta un passo importante verso la tutela e la gestione sostenibile del turismo in una delle città più iconiche al mondo. Questa guida dovrebbe aiutare residenti e visitatori a comprendere meglio il nuovo sistema e a pianificare adeguatamente la loro visita.

Nota: per maggiori dettagli sui giorni specifici di applicazione del contributo e sulle modalità di registrazione e pagamento, si consiglia di visitare il sito ufficiale “cda.ve.it”.

Lascia un commento