Home » Edwardian Hotel, a Londra uno degli edifici abitabili più profondi al mondo

Edwardian Hotel, a Londra uno degli edifici abitabili più profondi al mondo

Uno degli edifici più profondi al mondo si trova a Londra. L'Edwardian Hotel è un esempio di audacia e perizia ingegneristica senza eguali

Categorie Architettura

Uno degli edifici più profondi al mondo è sito proprio a Londra. Esso arriva a quasi metri di profondità, con ben 6 piani interrati, ma assolutamente vivibili e di pregio architettonico assoluto. L’audacia non si è avuta solo nella realizzazione dell’edificio, ma anche nello scavo del banco di argilla locale presenti nel sottosuolo

La struttura del profondo edificio

Il lotto in cui sorge uno degli edifici più profondi al mondo è vincolato. Esso presenta dimensioni di circa cinquanta metri per cinquanta lo dimostrano. Lo scavo che ha permesso l’edificio di arrivare a trenta metri di profondità con sei livelli sotto terra, uno degli edifici più arditi al mondo sotto questo punto di vista, ha interessato l’estrazione di circa 75.000 metri cubi di argilla locale. Trasportare ed installare sei capriate d’ acciaio con un peso ed una lunghezza rilevante non è stato semplice. La minuziosa installazione ha permesso il trasferimento del peso della struttura fuori terra sull’area del seminterrato, dove è stata creata una sala da ballo alta 6,5 metri e larga 16. La riduzione di circa il 30% delle emissioni di carbonio rende l’edificio amico dell’ambiente con un occhio di riguardo anche alle attuali tematiche riguardanti il clima e l’ambiente in cui viviamo.

La sfida dei progettisti

Trovandosi in una piazza e quindi circondata da edifici molto sensibili alla movimentazione stradale, scavare molto in profondità anche se lontano dalla metropolitana, ma in vicinanza ad un tunnel di alimentazione ad alta tensione, infatti il muro del seminterrato è stato costruito da pochi centimetri di distanza a protezione, le indagini approfondite e l’esperienza hanno permesso di restare in sicurezza nonostante le numerose deformazioni e sollecitazioni previste durante le operazioni, anche un accurato monitoraggio durante i lavori ha permesso un esito positivo e brillante.

edifici profondi
Esterno, da edwardianhotels.com

Arup eccellenza in sfide ingegneristiche

La società londinese, una delle maggiori al mondo in ambito ingegneristico, architettonico e di supporto in tutte le fasi progettuali, ha fornito un’ottima collaborazione al gruppo alberghiero privato in questione; dando valore al sito, innovando l’esperienza di vivere un hotel in modo unico in assoluto, sviluppando design e soluzioni in maniera creativa e su misura del contesto circostante; gli ingegneri hanno massimizzato l’enorme potenziale che il sito aveva ,creando un gioiellino unico nel suo genere.

edifici profondi
Spaccato, da edwardianhotels.com

Arup è presente in Europa, America ed Asia. Presente con 90 uffici in 60 paesi, dietro le più grandi opere di edilizia c’è il colosso di ingegneria Londinese; le maggiori e significative costruzioni che ricordiamo sono: il centro Pompidou a Parigi; l’Allianz Arena di Monaco, Germania ; ponte di Oresund in Svezia; stadio nazionale di Pechino. In Italia il Citylife e bosco verticale a Milano; Trincerone ferroviario est a Salerno.

L’innovazione digitale e la tecnologia “green”

La rete digitale che mette in relazione quello che è uno degli edifici più profondi al mondo, permettendo la condivisione di dati e una comunicazione avanzatissima, è esempio per sviluppi futuri. Con le sempre più incessanti ricerche nell’ambito tecnologico gli utenti finali dovranno sentirsi quanto più a loro agio con tutti i comfort e le comodità. L’edificio è in totale connessione grazie anche ad una potente fibra che tocca ogni angolo dell’edificio permettendo un’ampia gamma di usi e diverse configurazioni. Il nuovo modo di progettare certamente mira a favorire sempre di più un’esperienza tipica ed unica. Si cammina di pari passo con la tecnologia ma al contempo avendo un occhio di riguardo anche verso una sostenibilità ambientale e sensibilità verso i cosiddetti temi green.

Lascia un commento