SEGUICI SU:

DELLO STESSO AUTORE

INSTAGRAM

CORRELATI

Una torre futuristica per Baku: la MOT Tower

Considerata come la torre futuristica della città di Baku, in Azerbaigian, la MOT Tower è composta da una sequenza di cinque cubi che si attorcigliano e che arricchiscono lo skyline della capitale azera

Iniziata nel 2016 e ultimata nel 2018, la torre futuristica MOT Tower è una vera e propria perla di Baku, in Azerbaigian. La Montecarlo del Mar Caspio è una delle città più antiche e affascinanti di tutto l’Oriente e negli ultimi anni ha conosciuto un notevole boom economico e turistico. Lo skyline azero, infatti, si sta arricchendo sempre più di costruzioni all’avanguardia. Famose sono le Flame Towers, tre torri a forma di fiamma.

Una torre futuristica per Baku: MOT tower
Skyline della città di Baku in Azerbaigian con le Flame Towers sullo sfondo. PH: lonelyplanet.com

La torre futuristica sul Mar Caspio

Tra queste realizzazioni si distingue senz’ombra di dubbio la torre futuristica MOT, acronimo di Ministry of Taxation, il quale ha commissionato la costruzione della torre al gruppo Tekfen Construction and Installation. La MOT Tower è un edificio di 33 piani, 2 dei quali interrati, ed è alta 168 m per un totale di 44.270 metri quadri di GFA.

Una torre futuristica per Baku: MOT tower
Un’immagine della MOT Tower in costruzione. PH: freysas.com.tr

La torre futuristica è composta essenzialmente da uffici per la gestione delle attività del Ministero delle Tasse. In cima, invece, vi sono caffetterie, lounge bar, ristoranti, sale conferenze e fitness club, di cui poter usufruire anche al di fuori dell’orario lavorativo. Non è stato semplice per i costruttori realizzare l’edificio. Ha rappresentato una vera e propria challenge, non tanto per l’altezza, ma per il suo design da torre futuristica unica nel suo genere.

Le sfide costruttive della MOT Tower

Una torre futuristica per Baku: MOT tower
Struttura complessiva della torre. PH: tekfenmuhendislik.com

La torre futuristica MOT non ha un’altezza particolarmente rilevante rispetto ad altri grattacieli. Tuttavia il suo design iconico è stato oggetto di sfide costruttive non indifferenti. Innanzitutto, i cinque cubi sono sovrapposti ma non si toccano. Si nota dall’esterno uno spazio tra questi e la totale assenza di barre, che collegano i vari cubi tra di loro.

Una torre futuristica per Baku: MOT tower
Sistema di rinforzo di ognuno dei singoli cubi nella torre futuristica di Baku. PH: structuremag.com

Proprio in questi gap sono state collocate le terrazze, da cui godere del panorama sull’intera città. Per l’assenza di barre, il carico è stato completamente trasferito al centro dei cubi, tramite capriate a balzo dal nucleo di ognuna delle strutture cubiche. Scegliendo tralicci in acciaio per l’elemento centrale di trasferimento del carico verticale, il puntellamento è stato drasticamente ridotto. Questo ha portato benefici in termini di rapidità di completamento del progetto.

Una torre futuristica per Baku: MOT tower
Vista completa della torre MOT. PH: twitter.com

In aggiunta, la sua posizione all’interno di una regione ventosa e a forte sismicità del Mar Caspio ha spinto l’edificio nella categoria di progettazione sismica con terreno di classe D. Le travi di accoppiamento sono stati i principali elementi usati per assorbire l’energia sismica e limitare le forze applicate ad altri pezzi in caso di oscillazioni. Sono state condotte analisi strutturali avanzate per comprovare che i requisiti di resistenza, sicurezza e funzionalità della torre sarebbero stati raggiunti. ETABS e Perform-3D, software di analisi CSI, sono stati gli strumenti più utilizzati dai progettisti per verificare l’adeguatezza del prospetto. Questi sforzi sono stati essenziali per sviluppare un design pratico che ha reso possibile questa torre.

CUE FACT CHECKING

CloseupEngineering.it si impegna contro la divulgazione di fake news, perciò l’attendibilità delle informazioni riportate su buildingcue.it viene preventivamente verificata tramite ricerca di altre fonti.

Gemma Delle Cavehttps://buildingcue.it
Ingegnere chimico e giornalista pubblicista "made in Naples" amante dell'arte e della natura. Il percorso di studi intrapreso e la voglia di raccontare la realtà sono stati le due molle che l'hanno spinta verso il mondo della divulgazione.